Houston, abbiamo un problema. Questa volta per davvero però. Si sono infatti rotti contemporaneamente tutti e due i gabinetti presenti a bordo della Stazione spaziale internazionale. La segnalazione è stata fatta da Luca Parmitano, astronauta italiano comandante dell’Iss dallo scorso ottobre, al centro spaziale della Nasa di Houston che, in risposta, ha detto agli astronauti che si trovano ora sulla piattaforma di indossare dei pannoloni. Oltre a Parmitano, sospesi a circa 400 km sul livello del mare, ci sono infatti altri cinque astronauti, i russi Alexander Skvortsov e Oleg Skrypochka e gli americani Christina Cook, Andrew Morgan e Jessica Meir, tutti impegnati nella missione Beyond che li terrà in orbita per sei mesi, fino al prossimo gennaio.

Il problema ai bagni riguarda sia la toilette del modulo americano, dove è andato in tilt il sistema di controllo sulle fognature e sui dispositivi sanitari, sia quella del modulo russo, dove il sistema di allarme segnala che il serbatoio è pieno. In realtà non si tratta di bagni veri e propri, ma piuttosto di una specie di gabinetto – separato dal resto della piattaforma solo da una tendina – dedicato solo ai bisogni soldi (l’urina viene raccolta e trattata per esser trasformata in acqua potabile): era stata Samantha Cristoforetti a spiegarne il funzionamento quando era lei in orbita sull’Iss in un video pubblicato su Youtube.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

75enne trovata morta in casa, la polizia scopre il cadavere del marito fatto a pezzi e conservato nel freezer: “Era lì da almeno 12 anni”

next
Articolo Successivo

Stermina la famiglia e poi si consegna alle autorità con il cadavere di uno dei figli in auto

next