Stermina la famiglia e si consegna alle autorità con il cadavere di uno dei figli in auto. La vicenda ancora dai dettagli nebulosi ha come protagonista omicida il 53enne Shankar Hangud di Sacramento, California del Sud. L’uomo ha ucciso la moglie e i due figli nel giro di una settimana. La moglie 46enne e le due figlie di 16 e 13 anni sono state ammazzate tra le mura domestiche e lì i corpi senza vita sono rimasti per quasi due mesi. Il figlio più grande di 20 anni, invece, è stato ucciso cinque giorni dopo vicino al confine con l’Oregon.

L’uomo si è poi presentato ad una stazione di polizia della California del Nord nella contea di Placer, con il cadavere del ragazzo nel bagagliaio dell’auto. Per ora non si hanno ancora movente e modalità dei delitti, anche perché sembra l’uomo ha dapprima dichiarato di essere innocente e poi secondo fonti giudiziarie avrebbe confessato i delitti ma senza dare alcuna spiegazione sul motivo che lo ha spinto a compiere questa strage. Shankar Hangud non ha particolari precedenti penali se non una multa per eccesso di velocità nel 2016 e un debito con il fisco da 178mila dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Si rompono tutti i bagni sulla Stazione Spaziale internazionale dove c’è Luca Parmitano, la Nasa agli astronauti: “Usate i pannoloni”

next
Articolo Successivo

Padre e figlio gareggiano nel tunnel a bordo di due Corvette e provocano uno spaventoso incidente: arrestati. Le immagini

next