L’inchiesta dell”Espresso’ sulla casa “non ha niente a che vedere con la Fondazione Open. Ho aspettato per rispondere all’Espresso per poter denunciare per divulgazione di segreto bancario, ora il mio avvocato ha provveduto a denunciare l’Espresso: non c’è alcuna attinenza con la vicenda della Fondazione Open ma c’è una scrittura privata”. Lo ha detto Matteo Renzi nel corso di una conferenza stampa a Parma trasmessa in diretta su Facebook. “Nell’anno 2018 ho ricevuto un importante ritorno economico dalle mie attività, una dichiarazione dei redditi di 830mila euro e nel 2019 più di un milione di euro. Dovendo fare un anticipo ho fatto una scrittura privata con una persona per un prestito concesso e restituito nel giro di 4 mesi. Il collega dell’Espresso scrive una notizia che rivela un segreto bancario e io ho il diritto di adire alle vie legali. All’inizio, prima delle elezioni avevo in banca 15mila euro. Adesso guadagno molto meglio. Ho pagato 500mila euro di tasse. I miei denari sono pubblici. Non c’entra nulla con la fondazione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tampon tax, il videoappello delle deputate per la riduzione della tassa sugli assorbenti. Boldrini: “Il ciclo non è un lusso”

next
Articolo Successivo

Mes, Pd accusa la Lega e scoppia la rissa alla Camera. Deputato Liuni (Lega) urla dalla presidenza: “Vado a prenderlo e gli spacco…”

next