“Contro la violenza siamo rivolta”. Corteo a Roma del movimento femminista ‘Non una di meno‘ con i rappresentanti dei centri antiviolenza, delle case delle Donne, dei consultori. Numerose, gli organizzatori parlano di 100mila persone, le manifestanti provenienti da ogni parte d’Italia. “I dati Eurispes ci parlano di numeri ancora impressionanti – dice Tatiana Montella di Non Una di Meno – che segnalano che una donna ogni tre giorni viene uccisa 96 solo quest’anno. Anche stamattina un’ennesima donna è stata uccisa a Palermo. Noi vogliamo con queste giornate vogliamo stoppare con un grido globale contro la violenza maschile”. Molte manifestanti hanno ricordato nei loro cartelli e con il trucco sul viso la donna mimo cilena e attivista Daniela Carrasco uccisa dalla polizia. Per lei e per tutte le donne vittime della violenza, alle 16.30 il corteo si è fermato e i manifestanti hanno osservato un minuto di silenzio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, il ministro Gualtieri (Pd): “Pronto il decreto. Sbloccati 12 milioni per gli orfani dei femminicidi”

prev
Articolo Successivo

“Da quando nostro padre ha ucciso la mamma non abbiamo avuto nessun aiuto dallo Stato”

next