Matteo Salvini rilancia la campagna acquisti. “Grillo e Di Maio hanno rubato un sogno a milioni di italiani, svendendo il cambiamento in cambio di qualche poltrona offerta dal Pd – ha detto il segretario della Lega commentando l’incontro tenutosi in mattinata tra il fondatore e il capo politico dei 5 stelle – Tantissimi elettori e tanti eletti se ne sono accorti, la Lega è una comunità aperta anche a loro, determinata a proseguire sulla via del cambiamento, in Italia e in Europa. Mai col Pd, la coerenza prima di tutto”.

Non è la prima volta che il leader del Carroccio apre le porte ai delusi del M5s. Il 10 settembre, ad esempio, in vista della riunione degli amministratori di centrodestra che aveva convocato per il successivo sabato a Milano, Salvini spiegava al Corriere della Sera: “I miei continuano a dirmi che c’è un sacco di gente interessata a quello che diciamo noi, dai consiglieri di zona ai parlamentari”. Il porto di partenza naturale era quello di Forza Italia, ma non solo: l’ex ministro dell’Interno puntava a “parecchi e parecchi” eletti tra le file dei 5 Stelle, “gente con la schiena diritta che è disgustata da tutto quello che sta accadendo”.

Il primo annuncio di addio è stato il 14 novembre quello di Ugo Grassi: “A questo punto per me abbandonare il Movimento diventa legittima difesa”, aveva detto il senatore. Grassi, avvocato e professore ordinario di Diritto civile, ha spiegato che non voterà la prima legge di bilancio del governo giallorosso perché contrario all’istituzione di una Agenzia nazionale per la ricerca, prevista dalla manovra: “Vuol dire assoggettare la ricerca italiana a un controllo politico. Per me è aberrante. È una cosa che io non avrei mai voluto trovare in legge di bilancio, è la negazione di quello che c’eravamo promessi. Allo stato, non voto la manovra”, aveva detto all’Adnkronos. Passerà al Carroccio? “Diciamo che poi uno vede che fare”, aveva risposto, spirgando di vedere una “contraddizione tra ciò che mi era stato prospettato, che era oggettivamente il programma M5s, e ciò che sta accadendo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crozza, il monologo del comico: “Sardine? Sono anticorpi per guarire dalla Salvinite, funzionano come ‘anti-idiotico’”

next
Articolo Successivo

Napoli, esposta scultura di Salvini che spara a migranti. L’autore: “Un bambinone che gioca a videogame”. Il leader leghista: “Che squallore”

next