“Amo la comicità in modo viscerale, ma fare questo lavoro è diventato sempre più difficile perché la realtà supera ogni forma di immaginazione. Per quanto sia sopra le righe, Cetto è ormai un moderato e questo mi spaventa”. Parola di Antonio Albanese che, a distanza di sette anni, torna a vestire i panni di Cetto La Qualunque. Si tratta del terzo capitolo della saga dedicata al simbolo dei politici ciarlatani e corrotti, Cetto C’è senza dubbiamente, che come i suoi due predecessori Qualunquemente (2011) e Tutto tutto niente niente (2012), è diretto da Giulio Mafredonia.

“Ogni volta che lo interpreto a teatro mi vergogno come una bestia- racconta Albanese-. Ognuna di queste caratteristiche mi provoca il torcicollo spasmodico, una forma di esaurimento rara e molto pericolosa. Sono tutti aspetti che odio profondamente, ma ho sentito il bisogno di esaltarli e il desiderio di mostrare questa mostruosità che continua purtroppo a convivere con noi. Il personaggio è nato un giorno in cui durante una tribuna politica ho visto un candidato tirare fuori una foto della moglie dell’avversario e urlare ‘questa è una bottana, non potete votare questo cornuto’. Non è un caso che Cetto è sempre più attuale: lui è una sorta di esempio di quello che non si deve essere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Citizen Rosi, il documentario su Francesco Rosi è una meraviglia di ricordi, frammenti, sequenze e parole

next
Articolo Successivo

Terrence Malick e i suoi film mi sono lontanissimi. Ma ‘A Hidden Life’ è un quasi-capolavoro

next