“Amo la comicità in modo viscerale, ma fare questo lavoro è diventato sempre più difficile perché la realtà supera ogni forma di immaginazione. Per quanto sia sopra le righe, Cetto è ormai un moderato e questo mi spaventa”. Parola di Antonio Albanese che, a distanza di sette anni, torna a vestire i panni di Cetto La Qualunque. Si tratta del terzo capitolo della saga dedicata al simbolo dei politici ciarlatani e corrotti, Cetto C’è senza dubbiamente, che come i suoi due predecessori Qualunquemente (2011) e Tutto tutto niente niente (2012), è diretto da Giulio Mafredonia.

“Ogni volta che lo interpreto a teatro mi vergogno come una bestia- racconta Albanese-. Ognuna di queste caratteristiche mi provoca il torcicollo spasmodico, una forma di esaurimento rara e molto pericolosa. Sono tutti aspetti che odio profondamente, ma ho sentito il bisogno di esaltarli e il desiderio di mostrare questa mostruosità che continua purtroppo a convivere con noi. Il personaggio è nato un giorno in cui durante una tribuna politica ho visto un candidato tirare fuori una foto della moglie dell’avversario e urlare ‘questa è una bottana, non potete votare questo cornuto’. Non è un caso che Cetto è sempre più attuale: lui è una sorta di esempio di quello che non si deve essere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Citizen Rosi, il documentario su Francesco Rosi è una meraviglia di ricordi, frammenti, sequenze e parole

prev
Articolo Successivo

Terrence Malick e i suoi film mi sono lontanissimi. Ma ‘A Hidden Life’ è un quasi-capolavoro

next