Un documentario su Francesco Rosi più grande della vita. Inzuppatevi pure e godetene tutti di Citizen Rosi. Una meraviglia di ricordi, frammenti, sequenze e parole che la figlia Carolina (assieme a Didi Gnocchi) ha ricomposto e montato con energia e devozione verso il suo papà “Franco”. Se il cinema di Rosi ci ha indicato senso e strada da percorrere per capire la verità politica del nostro paese, dal dopoguerra agli anni ottanta, Citizen Rosi chiude il cerchio sull’uomo e sull’artista, sull’ “ironico e aggressivo” babbo, sul regista potente e spettacolare che ha reinventato, allargato, sconvolto il crinale tra finzione e documentario riscrivendo la storia italiana. Salvatore Giuliano, Il caso Mattei, Le mani sulla città. Basterebbero queste tre cosucce da nulla, in mezzo ai 18 film girati, a rendere Rosi immortale e insuperabile. Un regista totale. Fisicamente e moralmente sempre dentro alla sua immensa storia da raccontare. Imbevuto di quell’impegno civile lindo e sincero di cui oggi si abusa come formaggio sui maccheroni del progressismo cinematografico.

E la bellezza di questo biopic sta proprio in quel legame padre-figlia, in quell’inquadratura sul divano, lei e lui, nulla di sdolcinato, molto di aspro, tanto di amorevolmente affettivo. Il documentario sul cinema di papà per raccontare le radici e le storture dell’Italia. I film di Rosi che scorrono sullo schermo della tv del salottino, le immagini che guizzano e zampillano inesauste sulle carrellate continue che riguardano Luchino Visconti, Gian Maria Volonté, Rod Steiger, Lino Ventura. Citizen Rosi è un lavoro intimo, profondo, umano, uno scandaglio inesausto nel tempo e nei fatti storici, come se il lavoro di papà Francesco sui mali oscuri di una democrazia nata malata non fosse mai finito. Tra i tanti testimoni nel film (Giuseppe Tornatore, Marco Tullio Giordana, Giancarlo di Cataldo, i magistrati Di Matteo e Gratteri) emerge ancora una volta questo sentimento di giustizia sociale e storica, anelito etico inesauribile che Rosi con le “antenne che captano il rumore del tempo” ha saputo trasmettere su un grande schermo, volgendo spesso il suo sguardo nel Sud Italia, dentro a quel cancerogeno coacervo istituzionale mafia/stato.

Quell’idea che l’arte possa andare a fondo, terribile e tagliente, come una spada affilata, a mostrare la verità che travolge tutti e non salva nessuno. “La narrativa cinematografica oltre ad interpretate i fatti della società ne fa, o tenta di farne, poesia”. Grazie Francesco e grazie Carolina. Anche perché se stiamo qui a vergare queste righe è perché, si perdoni l’approccio alla Kezich, 27 anni fa vidi Uomini contro, in loop su Tele+3 per un giorno intero, quattro volte. E il generale Leone è un nemico dell’uomo e del mondo che ancora non siamo riusciti a sconfiggere. Nelle sale solo il 18-19-20 novembre.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aspromonte – La terra degli ultimi, il ritorno di Marcello Fonte dopo Dogman: un film ambientato nel profondo Sud, con un tocco di western

next
Articolo Successivo

Antonio Albanese: “Dobbiamo reagire a strani virus che girano in Italia. Le persone hanno più paura di prima, ma sono paure manovrate”

next