Ci lascia il papà del varietà. Il più grande di tutti. Ha fatto sognare gli Italiani con i suoi spettacoli. Ho avuto anche il piacere di conoscerlo. Grazie Maestro! Grazie e ancora grazie”. Con queste parole Fiorello ha detto addio ad Antonello Falqui, regista di tanti varietà e programmi televisivi della Rai. Aveva 94 anni: a dare notizia della scomparsa sono stati i familiari sui profilo social. “Sono partito per un Lungo Lungo Lungo Viaggio… potete venire a salutarmi lunedì 18 novembre alle ore 11 alla Chiesa S. Eugenio a V.le Belle Arti Roma. Mi raccomando, niente fiori… Al loro posto, se volete, potete aiutare l’associazione Quinto Mondo Animalisti Volontari Onlus” si legge su Twitter e Facebook. Nato a Roma il 6 novembre del 1925, figlio del critico e scrittore Enrico, Falqui era entrato in Rai nel 1952, lavorando nella sede di Milano. Ha raggiunto il successo con programmi come “Il Musichiere“, condotto da Mario Riva e in onda dal 1957 al 1960, e dirigendo quattro edizioni di “Canzonissima“, e altrettante di “Studio Uno“. Negli anni settanta e ottanta collabora, tra gli altri, con Paolo Villaggio e Gigi Proietti. Nel 1986 dirige il programma Un altro varietà e nel 1988 Cinema, che follia!: tra gli altri, chiama a far parte di questi due programmi il gruppo comico Gli Specchio. E’ stato proprio Falqui a lanciare Mina e a lui è dedicato il film ‘Il conte Max’ del 1991.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’appello di Crozza-Renzi agli amici di Forza Italia: “Io di sinistra? Fake news, è evidente che sono dei vostri”

next
Articolo Successivo

Taylor Mega: “Durante il collegamento non ero ubriaca, è colpa della vodka egiziana che è veleno per topi”

next