Ci lascia il papà del varietà. Il più grande di tutti. Ha fatto sognare gli Italiani con i suoi spettacoli. Ho avuto anche il piacere di conoscerlo. Grazie Maestro! Grazie e ancora grazie”. Con queste parole Fiorello ha detto addio ad Antonello Falqui, regista di tanti varietà e programmi televisivi della Rai. Aveva 94 anni: a dare notizia della scomparsa sono stati i familiari sui profilo social. “Sono partito per un Lungo Lungo Lungo Viaggio… potete venire a salutarmi lunedì 18 novembre alle ore 11 alla Chiesa S. Eugenio a V.le Belle Arti Roma. Mi raccomando, niente fiori… Al loro posto, se volete, potete aiutare l’associazione Quinto Mondo Animalisti Volontari Onlus” si legge su Twitter e Facebook. Nato a Roma il 6 novembre del 1925, figlio del critico e scrittore Enrico, Falqui era entrato in Rai nel 1952, lavorando nella sede di Milano. Ha raggiunto il successo con programmi come “Il Musichiere“, condotto da Mario Riva e in onda dal 1957 al 1960, e dirigendo quattro edizioni di “Canzonissima“, e altrettante di “Studio Uno“. Negli anni settanta e ottanta collabora, tra gli altri, con Paolo Villaggio e Gigi Proietti. Nel 1986 dirige il programma Un altro varietà e nel 1988 Cinema, che follia!: tra gli altri, chiama a far parte di questi due programmi il gruppo comico Gli Specchio. E’ stato proprio Falqui a lanciare Mina e a lui è dedicato il film ‘Il conte Max’ del 1991.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’appello di Crozza-Renzi agli amici di Forza Italia: “Io di sinistra? Fake news, è evidente che sono dei vostri”

next
Articolo Successivo

Taylor Mega: “Durante il collegamento non ero ubriaca, è colpa della vodka egiziana che è veleno per topi”

next