A quasi sei anni dal terribile incidente sugli sci che ha costretto in un letto Michael Schumacher, la moglie Corrina ha rotto il silenzio e, in un’intervista a “She’s Magazine” è tornata a parlare del campione di Formula 1. L’occasione è stata l’ultimo successo della figlia Gina Maria che, a 22 anni, ha trionfato a Verona alla Fiera dei Cavalli 2019 con indosso la tuta della Ferrari che apparteneva a suo padre: la giovane infatti, ha come lei una grande passione per i cavalli.

La donna ha raccontato che tutto è cominciato quando suo marito le ha regalato un ranch a Givrins per il decimo anniversario di matrimonio: “Quando avevo 30 anni – ha raccontato Corinna – desideravo moltissimo avere un cavallo e Michael venne con me a Dubai perché volevo comprare un purosangue arabo. Oggi mi rende felice vedere mia figlia poter fare ciò che ama e aver già raggiunto il successo. Ma non dimentico chi devo ringraziare di tutto questo, ovvero mio marito“.

Poi la donna ha rivelato che Michael Schumacher aveva previsto il successo della figlia: “Mi disse che un giorno Gina Maria sarebbe stata più brava di me e la cosa allora non mi piacque molto. Io lavoravo giorno e notte con i cavalli cercando di capire tutto. Ma lui diceva che ero troppo carina e che Gina invece aveva più polso e carattere e questo mio marito l’aveva previsto“, ha svelato.

Nel corso dell’intervista, è arrivata anche l’inevitabile domanda sulle condizioni di salute del campione di F1 alla quale Corinna ha risposto: “Potete stare certi che è nelle migliori mani possibili – ha spiegato la moglie – e che stiamo facendo di tutto per aiutarlo. Vi preghiamo di comprendere che stiamo seguendo le volontà di Michael nel mantenere riservato un argomento così delicato come la sua salute”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arisa attacca Mara Maionchi: “Datti una regolata quando parli della mia canzone”, poi cancella tutto. La Maionchi a FqMagazine: “Dispiaciuta”

next
Articolo Successivo

Tu Si Que Vales, Sabrina Ferilli: “Ahò che boni quelli, hai visto che culi c’avevano?”. E la De Filippi risponde: “Hai il microfono aperto…”

next