“Solo undici mesi fa, quindi non molto tempo, non avevamo rappresentanti in nessuna istituzione. Avevamo solo quattro o cinque consiglieri, sperduti in piccoli paesi. Oggi siamo la terza forza politica della Spagna e abbiamo 52 parlamentari”. Queste le parole di Santiago Abascal, leader del partito conservatore Vox, rivolgendosi agli elettori dopo il voto del 10 novembre. Con il 93% dei seggi scrutinati, Vox avrebbe infatti raggiunto il 15,1% dei consensi, posizionandosi dietro al Partito Popolare (20,8%) e al PSOE (28,1%).

“Siete stati protagonisti dell’impresa più rapida e folgorante della politica spagnola”, ha scandito ancora. “Siamo riusciti ad aprire tutti i dibattiti proibiti”, ha continuato. “Oggi – ha detto – si consolida una alternativa patriottica e sociale che chiede l’unità della Spagna”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hong Kong, poliziotto spara a un manifestante: la colluttazione e il momento in cui lo colpisce

next
Articolo Successivo

Israele espelle il direttore di Human rights watch. Quando chi denuncia diventa nemico dello Stato

next