“Solo undici mesi fa, quindi non molto tempo, non avevamo rappresentanti in nessuna istituzione. Avevamo solo quattro o cinque consiglieri, sperduti in piccoli paesi. Oggi siamo la terza forza politica della Spagna e abbiamo 52 parlamentari”. Queste le parole di Santiago Abascal, leader del partito conservatore Vox, rivolgendosi agli elettori dopo il voto del 10 novembre. Con il 93% dei seggi scrutinati, Vox avrebbe infatti raggiunto il 15,1% dei consensi, posizionandosi dietro al Partito Popolare (20,8%) e al PSOE (28,1%).

“Siete stati protagonisti dell’impresa più rapida e folgorante della politica spagnola”, ha scandito ancora. “Siamo riusciti ad aprire tutti i dibattiti proibiti”, ha continuato. “Oggi – ha detto – si consolida una alternativa patriottica e sociale che chiede l’unità della Spagna”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hong Kong, poliziotto spara a un manifestante: la colluttazione e il momento in cui lo colpisce

next
Articolo Successivo

Israele espelle il direttore di Human rights watch. Quando chi denuncia diventa nemico dello Stato

next