Il nuovo film di Woody Allen uscirà il 3 ottobre 2019 in Italia grazie a Lucky Red. A rainy day in New York, tradotto in Un giorno di pioggia a New York, bloccato dal distributore americano Amazon, vedrà invece la luce in Italia e molto probabilmente anche in Francia, Belgio e Olanda, paesi in cui il film ha già un distributore ufficiale legato alla Gravier Productions di Allen stesso.

Dopo diversi post e commenti pubblicati su Facebook dove la notizia ha iniziato a girare, è la Lucky Red stessa a confermare l’uscita di ottobre al FattoQuotidiano.it. Bloccato e lasciato in archivio fino alla dannazione eterna dal quartier generale degli Amazon Studios, A rainy day in New York è il 48esimo film dell’84enne regista newyorchese. Protagonisti principali sono Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez, Jude Law, Diego Luna e Liev Schrieber.

Chalamet e Gomez hanno devoluto i loro salari ricavati dal film in beneficenza alle lotte legate al Me Too, con una non proprio velata protesta verso il regista, dopo che quest’ultimo era tornato al centro delle accuse di molestie da parte di sua figlia Dylan, episodi che ricalcano il caso già finito in tribunale nel 1992. Allen ha anche fatto causa ad Amazon per 68 milioni di dollari vista la rescissione del contratto che prevedeva quattro film da distribuire sul territorio americano e sulle “motivazioni vaghe” che hanno bloccato l’ultimo film già concluso e pronto. Pazza idea? Se l’uscita del 3 ottobre fosse in contemporanea ad altri paesi europei nulla toglie una capatina al Festival di Venezia 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Solo cose belle”, al cinema dal 9 maggio il film-manifesto dedicato al rispetto di tutte le diversità 

prev
Articolo Successivo

Gomorra, così la quarta stagione regalerà al cinema il ritorno di Ciro Di Marzio con L’Immortale

next