“Abbiamo girato questa mega gang bang con 67 persone, con la regia di Rocco (Siffredi, ndr). Io sarò stata in due giorni con trenta uomini. Non tutti riuscivano ad eccitarsi, altri sono venuti subito. A un certo punto a uno che faceva sesso anale con me si è rotto il pisello mentre era dentro, dietro“. A rivelarlo, ai microfoni de La Zanzara, è Martina Smeraldi, pornoattrice 19enne tra le più note in Italia, ingaggiata da Rocco Siffredi per il suo ultimo film, “Martina contro Malena”, le cui riprese si sono tenute sabato scorso all’interno di un noto locale di Bologna. Proprio sul set è avvenuto l’incidente raccontato, nei minimi dettagli dalla Smeraldi: “Io non mi sono accorta di nulla, mi sono girata e ho solo visto una grande chiazza di sangue sul lenzuolo. Tutti pensavano che si trattasse della rottura del filetto, poi si è scoperto che il ragazzo si era fatto una puntura per mantenere l’erezione”.

“Probabilmente – prosegue Martina Smeraldi – si è fatto male questa puntura, ha esagerato e si è rotto l’uretra, la canna. Adesso si deve operare, e sarà una cosa lunga. Il suo pisello prima di tornare normale ci metterà del tempo. Io ero tranquilla, ero sicura che a me non era successo nulla, non sentivo dolore. Il sangue non era il mio. Non che non mi interessi del suo cazzo, ma se doveva accadere qualcosa meglio a lui che a me. Meglio fare cilecca che esagerare con le punture”, conclude la giovane pornoattrice.

Sulla questione è intervenuto anche lo stesso Rocco Siffredi, presente sul set al momento dell’incidente: “Troppe persone fanno uso di doping pesante. Questa roba è molto pericolosa se non la sai usare. I professionisti la sanno usare, la usano con molta cautela, mentre alcuni cominciano a trapanare forte per far capire quanto sono bravi. E allora può succedere che quando è troppo duro prendi l’angolazione sbagliata e si rompe. Come la bottiglia. Ci sono passato anch’io anni fa, anche se si sono rotte due venuzze esterne alla canna”, ha concluso Siffredi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pornografia, un uso eccessivo può dare assuefazione. E pure inibire l’eccitazione

next
Articolo Successivo

Sesso, dove smaltire i sex toys? Fate attenzione se volete evitare brutte sorprese

next