Da un rapporto del Censis sui comportamenti sessuali degli italiani, è risultato che il 61,2% degli italiani di 18-40 anni guarda video porno da solo, il 25,2% lo fa in coppia. Da una indagine fatta in Gran Bretagna è risultato che il 65% dei ragazzi tra i 15 e i 16 anni fa un uso quotidiano della pornografia; l’88% delle scene dei film porno contiene aggressioni fisiche contro le protagoniste femminili. In Italia in un’indagine del 2019 su ragazze/i dagli 11 anni in su, 1 su 5 si dichiara consumatore abituale di pornografia, e tra quelli di 11-14 anni quasi la metà ha già avuto un contatto con materiale porno.

La pornografia annulla completamente l’immaginazione, fa vedere “tutto”, e c’è chi pensa (anche sessuologi) che possa essere utile e che non faccia male. Nei film/video porno il sesso è mostrato nei minimi particolari, gli organi genitali maschili e femminili sono sempre in primo piano, la donna è considerata un oggetto, solo un “buco”, anzi più buchi da “riempire” e l’uomo deve pensare solo ad avere il pene eretto.

L’amore chiaramente non esiste, è solo “ginnastica”, il piacere è solo una finzione sia per gli uomini che per le donne che “recitano”. Certo, è possibile usarla anche nella coppia, per gioco, perché c’è sempre un po’ di curiosità per queste cose e può essere eccitante vedere un film/video porno, ma non deve diventare un’abitudine.

Le prime volte la pornografia eccita molto e per gli uomini soli masturbarsi guardando un video porno può essere una valvola di sfogo, solo che poi se ne abusa ed è difficile non farlo una volta cominciato. Per abuso intendo la visione solo di immagini o video pornografici per potersi eccitare e masturbare, fino a una vera e propria dipendenza.

Il risultato con il tempo è proprio l’effetto contrario. La visione continua e ripetuta degli organi genitali maschili e femminili e di rapporti sessuali porta lentamente, senza che l’uomo se ne accorga, a un’inibizione della capacità di eccitarsi mentalmente e di avere così l’erezione. Lo stesso stimolo sensoriale continuamente ripetuto, se all’inizio eccita, dopo un certo tempo non lo è più: il cervello ha bisogni di stimoli superiori, con la necessità di stimolazioni dirette sul pene sempre maggiori. La visione continua dello stesso tipo di immagini e video alla fine non fa più nessun effetto, può anche annoiare, si entra in un circolo vizioso, per eccitarsi sessualmente occorre qualcosa di più particolare e di più spinto, sempre più depravante e violento.

Anche al gradino successivo, con l’assuefazione, sarà sempre più difficile eccitarsi mentalmente e avere l’erezione, anche nella vita reale. Tutti devono sapere che la pornografia può essere associata a effetti nocivi, inoltre contribuisce all’oggettivazione (de-umanizzazione) e auto-oggettivazione delle ragazze. Quindi non fatevi condizionare dalla “pubblicità” che ha invaso incredibilmente anche la televisione con la presenza, in molti programmi, delle cosiddette “pornodive”, che sono però una minoranza: tutte le altre “attrici” porno che “fine” fanno?

Gli effetti negativi dell’abuso di pornografia si possono prevenire solo con una corretta educazione all’amore e a fare l’amore, perché oggi il sesso determina, purtroppo, vere e proprie ossessioni nella mente di molti uomini: per questo non si devono più crescere i bambini con il “culto” del pene, che non deve più essere considerato il simbolo della potenza maschile. A uomini/donne di tutte le età (da alcuni anni anche adolescenti/20enni) che mi scrivono online (nel mio sito o su Facebook) per disfunzioni sessuali, una delle prime cose che suggerisco è di non guardare più la pornografia.

Queste cose devono essere spiegate ai ragazzi quando vengono fatte lezioni nelle scuole di educazione all’amore e a fare l’amore e di prevenzione primaria delle violenze.

Potete trovare i video e i pdf delle lezioni complete per le scuole (anche per il 25 novembre) nel mio sito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Martina Smeraldi annuncia il suo film con Malena La Pugliese e posta una foto. Il produttore? Rocco Siffredi

next
Articolo Successivo

Martina Smeraldi: “A uno che faceva sesso anale con me si è rotto il pisello durante una mega gang bang con 67 persone “

next