Ristrutturava la casa della figlia con soldi aziendali. C’è anche questa fra le accuse che hanno portato all’arresto di Paolo Ramolini, direttore generale di Castellanza Servizi e Patrimonio, società municipalizzata del Comune di Castellanza, in provincia di Varese. I carabinieri eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari, emessa dal giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio (Varese), per truffa aggravata ai danni di ente pubblico e peculato: secondo l’accusa, mentre era incaricato di pubblico servizio l’uomo ha fatto realizzare in casa della figlia lavori per un valore pari a 13mila euro, tutti a carico della municipalizzata.

Le indagini erano partite alcuni mesi fa, con le perquisizioni dalla Procura di Busto Arsizio. Qualche settimana fa si era inoltre dimesso l’amministratore unico della società, Carlo Veronelli, che però non è coinvolto nell’inchiesta. Sono indagati invece, sempre per concorso in peculato, anche una farmacista di Castellanza e un imprenditore di Legnano, in provincia di Milano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alessandria, l’audio del carabiniere sotto le macerie: “Stiamo morendo tutti. Manda qualcuno, ti prego”

next
Articolo Successivo

Roma, incendiata di nuovo la libreria-bistrot antifascista “La pecora elettrica”: doveva riaprire domani dopo il rogo del 25 aprile

next