Massimo Giletti ha intrapreso una guerra a distanza con Barbara D’Urso, senza esclusione di colpi. Dopo aver inaugurato la nuova stagione di “Non è l’Arena” con il caso Prati-Caltagirone, raccontato dettagliatamente nei mesi scorsi dalla D’Urso, il giornalista e conduttore di La7 ha trattato domenica sera la vicenda del discusso matrimonio di Tony Colombo e Tina Rispoli, che Barbara – dopo aver seguito in diretta l’evento a Pomeriggio 5avrà ospiti in studio questa sera a “Live non è la D’Urso per parlare dell’inchiesta di Fanpage “Camorra Entertainment” che ruota appunto intorno alle figure del cantante neomelodico e della moglie vedova del boss di Camorra Gaetano Marino. Proprio di questo e dell’esposizione mediatica avuta dalla coppia ha parlato Giletti con Giovanni Floris, il conduttore di DiMartedì ospite in studio: insieme hanno commentato un estratto dell’inchiesta a puntate che indaga sui contatti tra il mondo dello spettacolo e quello della camorra.

Bisogna stare sempre attenti. Si può parlare di tutto in tv, ma l’importante è farlo con un taglio critico“, ha detto Floris spiegando: “Il taglio critico è quello di non credere mai a quello che ti viene e cercare quello che è in realtà il messaggio profondo delle cose. Questo può portare anche ad accettare le cose che vengono raccontate, ma dopo un severissimo vaglio critico. Quello che colpisce di questa vicenda non è solo l’atteggiamento della televisione, ma anche l’atteggiamento della criminalità che cerca la televisione – ha proseguito il conduttore -. Noi siamo cresciuti con una criminalità che vuole restare nascosta, persone che rimanevano chiuse in rifugi vari pur di non farsi vedere. Siamo arrivati a un punto in cui ormai il camorrista cerca la gratificazione“.

E a questo punto Giletti ne ha approfittato per lanciare una frecciata all’universo televisivo di Barbara D’Urso, che ha dato largo spazio alle nozze di Tony Colombo e Tina Rispoli: “La tv in questo modo li accredita? – ha chiesto a Floris – Perché se li porti solo come oggetto del matrimonio trash…”. Il conduttore di DiMartedì ha concluso quindi: “Facendolo in questo modo stai facendo un lavoro a metà, perché il lavoro del giornalista è quello di poter dire tutto, occuparsi di tutto, ma farlo dicendo: ‘Mi stai prendendo in giro?’.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tu Si Que Vales, Sabrina Ferilli a Maria De Filippi: “Ma che caz*** me ne frega”. Pubblico a bocca aperta

next
Articolo Successivo

Claudio Chiappucci, il campione di ciclismo trova la casa devastata dal rapper “Sporco” e va su tutte le furie. Ma è uno scherzo de Le Iene

next