Esisto non vivo, non sto troppo bene“. A dirlo è Meghan Markle nella doppia intervista che ha fatto assieme al principe Harry alla tv britannica Itv durante il loro recente viaggio ufficiale in Africa del sud per un documentario dal titolo ‘Harry and Meghan: An African Journey‘ andato in onda domenica sera. La coppia si è lasciata andare a rivelazioni scottanti, che imbarazzano la Famiglia Reale, come quelle di Harry sul suo rapporto con il fratello William, ma anche a confessioni molto personali.

Meghan ha confermato infatti da parte sua “le difficoltà” avute ad adattarsi alla vita da reale dopo il matrimonio dell’anno scorso con Harry. E soprattutto il rapporto conflittuale con i tabloid – denunciati in tribunale assieme al marito con accuse di violazioni della loro privacy – ai quali rinfaccia di averla presa di mira in particolare durante l’attesa del piccolo Archie. “Esisto non vivo”, ha detto quindi la Markle a riguardo ammettendo di “non stare troppo bene” e sottolineando come “non molte persone mi abbiano chiesto come ci si senta nei panni di mamma e moglie” di un principe.

La Duchessa del Sussex ha raccontato poi che prima delle nozze alcuni “amici britannici” le sconsigliarono di sposare Harry, pur amandolo, e le dissero: “I tabloid distruggeranno la tua vita“. Un timore che non l’ha fermata e non le impedisce di dirsi “felice” del suo matrimonio. Ma che anche Harry mostra apertamente di condividere: ripetendo ancora una volta di non voler permettere che la stampa popolare faccia a Meghan “lo stesso che fece a mia madre” Diana.

Per questo Harry e Meghan hanno poi detto di volersi prendere una pausa di “almeno sei settimane” ma anche di più forse, durante le quali gli piacerebbe trasferirsi in Africa: il principe ha detto infatti che secondo lui Cape Town è un “posto fantastico”. “S tratta di una cosa davvero necessaria da fare”, ha concluso la coppia spiegando che ha bisogno di stare un po’ di tempo insieme al piccolo Archie lontano dai riflettori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pasta italiana contaminata da insetti: la Commissione Europea lancia l’allarme

next
Articolo Successivo

Rafael Nadal si sposa, Roger Federer: “Non sono stato invitato al matrimonio”

next