Il Louvre potrà esporre l’Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci. La decisione è stata presa dal Tribunale amministrativo del Veneto che ha respinto il ricorso di Italia Nostra contro il prestito alla Francia. Il disegno più famoso al mondo dalla Galleria dell’Accademia di Venezia volerà a Parigi giusto in tempo per l’apertura della mostra che celebra il genio italiano, prevista il 24 ottobre.

Il via libera al prestito era stato già dato del direttore delle Gallerie dell’Accademia Giulio Manieri Elia in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte dell’inventore, artista e scienziato. “Il trasferimento è illegittimo”, aveva però detto Lidia Fersuoch, presidente della sezione veneziana di Italia Nostra. Così il ricorso dell’associazione e il primo verdetto del Tar del Lazio aveva sospeso il prestito al museo parigino. Lo stop, però, non aveva trovato l’appoggio del Mibact che aveva definito la sospensione una “scelta incomprensibile”. Ora è tutto alle spalle: l’Uomo Vitruviano partirà per il Louvre e il ministro Franceschini gioisce su Twitter: “Ora può partire la grande operazione culturale italo-francese delle due mostre su Leonardo a Parigi e Raffaello a Roma”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Notre-Dame, a sei mesi dall’incendio cosa rimane di tutti gli annunci?

next
Articolo Successivo

C’è chi tenta sfruttare il brand Napoli, basta!

next