Il Louvre potrà esporre l’Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci. La decisione è stata presa dal Tribunale amministrativo del Veneto che ha respinto il ricorso di Italia Nostra contro il prestito alla Francia. Il disegno più famoso al mondo dalla Galleria dell’Accademia di Venezia volerà a Parigi giusto in tempo per l’apertura della mostra che celebra il genio italiano, prevista il 24 ottobre.

Il via libera al prestito era stato già dato del direttore delle Gallerie dell’Accademia Giulio Manieri Elia in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte dell’inventore, artista e scienziato. “Il trasferimento è illegittimo”, aveva però detto Lidia Fersuoch, presidente della sezione veneziana di Italia Nostra. Così il ricorso dell’associazione e il primo verdetto del Tar del Lazio aveva sospeso il prestito al museo parigino. Lo stop, però, non aveva trovato l’appoggio del Mibact che aveva definito la sospensione una “scelta incomprensibile”. Ora è tutto alle spalle: l’Uomo Vitruviano partirà per il Louvre e il ministro Franceschini gioisce su Twitter: “Ora può partire la grande operazione culturale italo-francese delle due mostre su Leonardo a Parigi e Raffaello a Roma”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Notre-Dame, a sei mesi dall’incendio cosa rimane di tutti gli annunci?

prev
Articolo Successivo

C’è chi tenta sfruttare il brand Napoli, basta!

next