Beppe Grillo lo ha urlato dal palco. “Stiamo dando una narrazione al Pd, è meraviglioso” ha detto alla platea radunata a Napoli per il decimo compleanno del Movimento 5 stelle. Un popolo di attivisti, quelli con la bandiera in una mano e la raccolta firme nell’altra. Militanti che hanno attraversato espulsioni e polemiche, trasformazioni e mutazioni genetiche, che negli anni hanno visto il Movimento lacerarsi e ricompattarsi più volte. E che ora si devono confrontare con l’alleanza di governo con il Pd, senza sapere cosa ne sarà del futuro. Senza sapere se questo li porterà a modificare la propria natura. C’è il rischio che il M5s diventi come il Pd o il contrario? “Magari loro diventassero come noi” dice una militante marchigiana.

“Lo scopo del Movimento è fare le cose per i cittadini, può andare anche con satana”. Le aperture ci sono: “Bisogna dare fiducia al cambiamento morale delle persone che sono nel Pd”. A qualcuno piace usare una metafora: “I 5 stelle sono come le cellule staminali in un organismo malsano, la sfida è quella di stare nelle istituzioni facendo cambiare gli altri e imponendo i nostri valori”.

Pur sfilandosi dalla domanda, il ministro dell’Ambiente Sergio Costa fa notare come in questo esecutivo ci sia una bella assonanza sui temi dell’ambiente”, a differenza del precedente con la Lega

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carcere grandi evasori, Berlusconi: “Con arresto oltre 50mila euro chiunque può essere preso, è attacco a libertà”

next
Articolo Successivo

Berlusconi tra ricordi, calcio e politica. Poi la battuta greve alla giovane farmacista: “Metti le supposte a tutti”

next