È stato prima circondato e poi picchiato un 50enne che sabato sera a Foggia ha rimproverato un gruppo di ragazzi, molti di loro minorenni, mentre stavano rompendo bottiglie di vetro e infastidendo i passanti. Un rimprovero non gradito dai ragazzi che hanno deciso di riempire di botte l’uomo. All’arrivo della polizia, però, i giovani erano già scappati.

Il 50enne il giorno successivo ha deciso, secondo quanto riportato da Foggia Today, di raccontare in una lettera l’accaduto al prefetto di Foggia, Raffaele Grassi: “Durante una cena con amici in un locale in centro siamo stati continuamente disturbati da una quindicina di ragazzi tra i 17 e i 20 anni che, ubriachi, distruggevano gli arredi urbani, inveivano contro una moto parcheggiata nella piazza e rompevano bottiglie sui muri e sull’asfalto, creando tensione e sconcerto tra i presenti”. L’uomo poi scrive che il proprietario del locale più volte ha chiesto l’intervento, senza successo, di una volante della polizia.

“Verso le 23.00 la situazione è peggiorata. Il mio senso civico non mi ha più permesso di tacere e mi sono avvicinato ai ragazzi per rimproverarli. Sono stato immediatamente aggredito. Mi hanno colpito più volte facendomi cadere in terra, continuando a colpirmi con calci e pugni. Solo la mia capacità di difesa mi ha consentito di evitare che mi colpissero organi vitali”. E conclude: “Egregio Prefetto, non si può permettere che questa situazione perduri nella nostra città”.

Nella stessa sera, sempre a Foggia, sono stati aggrediti anche dei ragazzini: “Verso le 20 – raccontano i genitori dei minorenni – i nostri figli, di età compresa tra i 12 e i 14 anni, stavano mangiando un pezzo di pizza. Improvvisamente sono stati circondati da un gruppo di altri minorenni che senza alcuna motivazione hanno iniziato a tirare calci e pugni”. Un 14enne, colpito con un pugno sul naso, è stato curato al pronto soccorso. Sul posto è intervenuta la polizia. È stato poi fermato un ragazzo di 12 anni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaticano, fuga di notizie sui dirigenti sospesi: a rischio il comandante della Gendarmeria

next
Articolo Successivo

“Molestava ragazzine al campus di pallavolo”: sospeso allenatore. “È entrato nelle loro camere di notte e le ha palpeggiate”

next