L’attrice Jane Fonda è stata arrestata mentre manifestava sulla scalinata Capitol Hill, la sede del Congresso a Washington contro il cambiamento climatico. L’attrice, di 81 anni, protestava con il gruppo Oil Change International, ispirata da Grata Thunberg. Secondo quanto riportato dai media statunitense, con lei anche altre 16 persone del gruppo sono state portate via dalla polizia.

La Fonda aveva già preannunciato la sua partecipazione alla protesta sul web: “Sarò in Campidoglio ogni venerdì, pioggia o sole che sia, ispirata e incoraggiata dall’incredibile movimento creato dai nostri giovani”. E aggiunge: “Non posso rimanere ferma e ignorare che i nostri eletti ignorino, o ancora peggio potenzino, le industrie che stanno distruggendo il nostro pianeta. Sono venuta a Washington per essere più vicina all’epicentro della lotta per il clima”. Poco prima dell’arresto l’attrice rivolta ai manifestanti aveva definito il clima una “crisi collettiva che ha bisogno di una risposta collettiva”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michelle Hunziker fermata alla dogana con la Svizzera senza documenti scherza: “Tanto mi conoscono, ormai siamo amici”

prev
Articolo Successivo

Fedez riceve il Tapiro da Striscia per le sue frasi sulle veline, Costanza Caracciolo attacca: “Meglio essere velina che ignorante”

next