A poche ore dall’inizio delle operazioni militari della Turchia nel nord della Siria, Qamishlo è piombata nel caos. Nella città, che sorge nella zona sotto il controllo delle autorità curde, a est rispetto all’area in cui operano le forze di Ankara, è esplosa un’autobomba causando “diverse vittime“. Secondo l’emittente panaraba Al Arabiya, quattro persone sarebbero morte e altre nove sarebbero rimaste ferite. Forze curde riferiscono che l’attentato è stato rivendicato da cellule dell’Isis.

Tra le città più popolose e finora più pacifiche dell’area, Qamishlo è da 48 ore nel mirino delle forze turche. Nella notte tra mercoledì e giovedì un bombardamento degli F-16 di Recep Tayyip Erdogan ha colpito il carcere di Chirkin, dietro le cui sbarre ci sono miliziani di “oltre 60 Paesi”. Per i curdi si è trattato di “un chiaro tentativo” di farli scappare. All’orizzonte, avvertono, c’è “una catastrofe che il mondo potrebbe non essere in grado di gestire in futuro”.

Oggi le forze curde sono tornate a puntare il dito contro Ankara. Secondo le autorità locali, almeno 5 miliziani dell’Isis sono fuggiti a seguito dei raid compiuti nelle scorse ore dall’aviazione turca contro la prigione di Navkur, dove la Syrian Democratic Force tiene in custodia decine di jihadisti. Non è nota al momento la nazionalità dei militanti fuggiti. La notizia è stata confermata dal portavoce delle Forze democratiche siriane, Marvan Qamishlo.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Los Angeles, maxi-rogo “Saddlebridge” divora il nord della città: evacuate 100mila persone

next
Articolo Successivo

Haiti, proteste contro il governo per tangenti e povertà. Morto un cronista, il terzo in due anni

next