Antonella Clerici piange sui social la morte di Beppe Bigazzi, volto storico de La Prova del Cuoco sempre al suo fianco quando era lei a condurre il cooking show di Rai 1. “Quando ti ho sentito qualche settimana fa ho capito che era un congedo definitivo – ha scritto su Instagram -. Porterò sempre nel cuore le tue ultime parole. Ti ho conosciuto a Unomattina e con te e Anna Moroni abbiamo portato al successo La Prova del cuoco. Tanti anni insieme, indimenticabili”.

“Tutto quello che oggi è di moda tu l’avevi scoperto già negli anni 90 – ricorda ancora Antonella -. Eri avanti in tutto. Burbero dal cuore tenero. E io ti volevo bene, tanto. Mi mancherai. Si chiude un altro capitolo…Niente sarà più come prima. Non rimproverare troppo gli angeli se non cucinano con i prodotti giusti… sono imperfetti anche loro”, conclude la Clerici.

Visualizza questo post su Instagram

Addio Beppe #beppebigazzi. Quando ti ho sentito qualche sett fa ho capito che era un congedo definitivo. Portero’sempre nel ❤️le tue ultime parole.Ti ho conosciuto a unomattina e con te e @annamoronireal abbiamo portato al successo la #provadelcuoco. Tanti anni insieme, indimenticabili. Tutto quello che oggi e’ di moda tu l’avevi scoperto gia’ negli anni 90. Eri avanti in tutto.Burbero dal cuore tenero. E io ti volevo bene, tanto.Mi mancherai.Si chiude un altro capitolo… ti abbraccio ricordando una delle tue celebri massime “la conoscenza fa la differenza”.Niente sara’ piu come prima. Non rimproverare troppo gli angeli se non cucinano con i prodotti giusti… sono imperfetti anche loro????????La tua Antonellina

Un post condiviso da Antonella Clerici (@antoclerici) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diletta Leotta al Sun: “Se sei interessato al calcio mi ascolti, se no mi guardi”. Fabio Ravezzani attacca: “Spero sia errore di traduzione”

prev
Articolo Successivo

Francesco Facchinetti: “A 10 anni scappavo di casa e andavo a stare dai barboni”. Caterina Balivo incredula

next