Francesco Facchinetti è stato ospite di Caterina Balivo a Vieni da Me e nel corso dell’intervista si è lasciato andare ad una rivelazione che ha lasciato tutti di stucco. Il figlio del cantante dei Pooh ha confessato infatti di aver avuto “un’infanzia un po’ difficile“: “Quando i miei genitori si sono separati è diventato tutto più difficile. I bambini non dovrebbero stare in mezzo a queste dinamiche. A 10 anni scappavo di casa. Andavo dai barboni del mio paese e stavo con loro. Anche a loro piaceva stare con me“, ha detto suscitando l’incredulità della conduttrice.

Poi Facchinetti ha ricordato anche il doloroso momento della separazione dei suoi genitori: “Quando due genitori divorziano, un bambino non capisce perché la mamma e il papà non siano più insieme. Io avevo 6 anni quando i miei si sono separati. Un giorno, a 10 anni, ho colto la palla al balzo e ho parlato con mio padre – ha raccontato -. Non lo vedevo da quasi un anno, abbiamo parlato e sono stato molto convincente. Oggi amo mio padre in maniera smisurata”.

Ero un bambino molto problematico, e non è una battuta, ma i miei genitori hanno capito come educarmi. Se mi vietavano qualcosa, io la facevo. Per me sono stati importantissimi i miei nonni. Oggi mi mancano tantissimo e sbaglierei meno se fossero ancora con me. Il mestiere di nonno è importantissimo”, ha concluso Francesco Facchinetti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Beppe Bigazzi morto, Antonella Clerici: “Quando ti ho sentito l’ultima volta ho capito che era un addio”

prev
Articolo Successivo

Filippo Bisciglia: “Non credo che io e Pamela diventeremo genitori, questo mi incupisce un po’”

next