“Ci sono altri colleghi nel mio gruppo che hanno dubbi, e mi faccio latore anche dei loro dubbi. Non posso votare a favore di questa riforma“. A dirlo, poco prima del via libera definitivo al taglio dei parlamentari, alla Camera, il deputato del M5s, Andrea Colletti, in dissenso rispetto al proprio gruppo parlamentare. Colletti si è domandato se non fosse meglio puntare su altre riforme, per esempio il superamento del bicameralismo perfetto o il monocameralismo. “Avrebbe portato a risparmi molto superiori. E poi è più efficiente un Senato di 200 parlamentari? Come faranno a svolgere ruolo di controllo? Saranno più esposti alle lobby“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taglio parlamentari, Giachetti: “Voto sì, ma raccolgo firme per referendum contro. Questa riforma è scalpo per soddisfare i peggiori istinti”

prev
Articolo Successivo

Il taglio dei parlamentari è legge: l’annuncio di Fico alla Camera e gli abbracci tra i banchi del governo

next