“Ci sono altri colleghi nel mio gruppo che hanno dubbi, e mi faccio latore anche dei loro dubbi. Non posso votare a favore di questa riforma“. A dirlo, poco prima del via libera definitivo al taglio dei parlamentari, alla Camera, il deputato del M5s, Andrea Colletti, in dissenso rispetto al proprio gruppo parlamentare. Colletti si è domandato se non fosse meglio puntare su altre riforme, per esempio il superamento del bicameralismo perfetto o il monocameralismo. “Avrebbe portato a risparmi molto superiori. E poi è più efficiente un Senato di 200 parlamentari? Come faranno a svolgere ruolo di controllo? Saranno più esposti alle lobby“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio parlamentari, Giachetti: “Voto sì, ma raccolgo firme per referendum contro. Questa riforma è scalpo per soddisfare i peggiori istinti”

next
Articolo Successivo

Il taglio dei parlamentari è legge: l’annuncio di Fico alla Camera e gli abbracci tra i banchi del governo

next