L’annuncio di Donald Trump di ritirare le truppe Usa dal nord della Siria spiana la strada alla Turchia e Recep Tayyip Erdogan non perde tempo. L’artiglieria di Ankara ha iniziato a bombardare obiettivi delle milizie curde ad al-Malikiyah, località siriana situata nella provincia nordorientale di Hasakah, a ridosso del confine turco. Lo hanno riferito fonti locali citate dal sito del quotidiano turco Sabah, secondo le quali nel mirino dell’artiglieria sono finiti “elementi” delle Unità di Protezione del Popolo (Ypg) curdo – che Ankara considera un’organizzazione terroristica – alle porte di al-Malikiyah. In giornata la presidenza turca aveva presentato una mozione al Parlamento per estendere per un altro anno la possibilità per il governo di avviare operazioni militari transfrontaliere nel nord dell’Iraq e in Siria, finora limitate al 30 ottobre 2019.

La decisione dà il via alla prevedibile reazione di Damasco, che vede come il fumo negli occhi la possibile invasione turca. Secondo le Syrian Defense Force, la coalizione che ha combattuto l’Isis guidata dallo Ypg, “le forze del regime siriano appoggiate dalla Russia si preparano a spostarsi militarmente verso la città di Manbij (che si trova al confine con la Turchia) – si legge in un tweet della Sdf – Abbiamo detto in precedenza che qualsiasi attacco turco avrebbe avuto conseguenze negative per l’intera regione”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Extinction Rebellion, tensione a Londra durante la protesta per il clima: 135 dimostranti arrestati

next
Articolo Successivo

Siria, viaggio tra i curdi abbandonati dagli Usa: “Da Trump una pugnalata alle spalle, Isis non è sconfitto”. In due mesi aumentati gli attentati

next