“Ho rischiato di morire”. Lo racconta Sara Tommasi, ex bocconiana ed ex showgirl di successo, che da ormai dieci anni cerca di riscattarsi da un lungo (quanto psicologicamente impegnativo) periodo di down. “Ho passato anni veramente terribili: scappavo di casa, vagavo senza una meta e non riuscivo a volermi bene. Mi davo a tutti e tante persone hanno approfittato di me. Mi facevano fare qualsiasi cosa perché non sapevo dire di no”, racconta ora Sara, che spiega di essere rinata grazie all’affetto degli amici e grazie a un lungo periodo di disintossicazione e cure. “Soffrivo di bipolarismo e la patologia veniva accentuata dall’uso di droga, alcol e psicofarmaci. Non riuscivo a stare meglio”.

Il passato della soubrette è ancora pieno di tormenti e “mostri” che ogni tanto ritornano alla mente. “Ricordo una notte di qualche tempo fa. Ero scappata da Terni ed ero finita in una casa con alcolizzati e tossicodipendenti. Senza entrare nei dettagli, lì ho visto la morte in faccia. Per grazia di Dio la mia famiglia è corsa a prendermi e mi ha salvato la vita facendomi ricoverare”.

Ora Sara vive nella sua Terni, lontano dal mondo dorato dello showbiz. “La tv mi ha dimenticato e ne soffro. Oggi faccio sport, mangio bene, mi curo, ma sento il bisogno di andare in televisione a parlare della mia rinascita. Economicamente non sto male, quando facevo televisione ho guadagnato tanto e ho fatto la “formica”: vorrei lavorare solo per una mia gratificazione personale. Vorrei tornare a fare il mio lavoro di showgirl, non chiedo altro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Beyoncé, il padre rivela: “Ho un tumore al seno”. È uno dei pochi uomini vittima di questa malattia

next
Articolo Successivo

Alessandra Mussolini bacia Vittorio Sgarbi in diretta tv e Barbara D’Urso le fa notare: “Ti è uscita una tetta”

next