Addio bambole hot. Chiude a Torino il “bordello” italiano di LumiDolls dopo nemmeno un anno di attività. Una casa d’appuntamento sui generis, perché al posto di fanciulle in carne ed ossa ci sono state, finché è durato, bambole termoplastiche in materia pieghevole e snodabile. Motivo della repentina chiusura? Per esercitare la propria funzione commerciale la struttura di Borgo Vittoria, a nord del capoluogo piemontese, era diventata letteralmente un bed and breakfast con registrazione ora dopo ora dei clienti tramite rilascio dei dati della carta d’identità. Insomma, una “violazione” della privacy che ha portato ad una graduale diminuzione delle prenotazioni. Così a un anno dall’apertura, non senza polemiche (lo spazio bambole hot era stato aperto prima a Mirafiori e posto sotto sequestro), LumiDolls ha deciso di chiudere i battenti. Addio quindi a Eva, Naomi, Ilary, Molly, Kate, Arisa e Alessandro. Tariffe non proprio popolari (80 euro mezz’ora, 100 un’ora, 180 due ore) l’esperimento bambole hot modello casa d’appuntamento rimane comunque aperto, per chi fosse in giro per lavoro e/o piacere, a Barcellona, Mosca e a Nagoya in Giappone.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli rubarono la Vespa nel 1991. I carabinieri la ritrovano (e gliela riconsegnano) 28 anni dopo

next
Articolo Successivo

Amici Celebrities, la gaffe di Al Bano: “Brava anche con quei 15 grammi in più”. E la Manzini lo gela

next