Il “made in China” arriva fino in fondo al mare, ma scambia i coralli con conchiglie: i Carabinieri di Venezia hanno scoperto e sequestrato 20 chilogrammi di corallo, privo di autorizzazione, stipato in un magazzino all’ingrosso che vendeva articoli per la casa e gestito da due cittadini cinesi.

Veniva venduto in confezioni di circa 50 grammi che riportavano in etichetta l’indicazione “imitazione di conchiglie in plastica”. La ditta non è stata in grado di produrre nessun documento sulla sua importazione e commercializzazione, per cui i militari hanno apposto i sigilli a quanto ritrovato, che sarà oggetto di confisca.

Il corallo è stato classificato come appartenente all’ordine delle “Scleractinia”: il prelievo e la vendita di questo esemplare necessita di una certificazione che viene rilasciata seguendo la normativa Cites – Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione – che regolamenta il commercio sostenibile degli animali e delle piante minacciate di estinzione e alla quale l’Italia ha aderito nel 1980.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bambini picchiati a scuola di religione, due imam arrestati in Veneto

next
Articolo Successivo

Migranti, boss del traffico libico “Bija” al tavolo con i funzionari italiani durante i negoziati di Mineo del 2017: pubblicate le foto

next