Ginevra Nuti, la figlia 20enne del grande artista toscano Francesco Nuti, è stata ospite di Vieni da Me e a Caterina Balivo ha raccontato del suo rapporto con il padre disabile da quando 13 anni fa ebbe una brutta caduta dalle scale e rimase a lungo in coma. Da allora lei non lo perde mai di vista ed è sempre al suo fianco: “Sono diventata la tutrice di mio padre – ha rivelato la ragazza -. Da quando ho compiuto 18 anni, sono sua figlia e credo sia importante che, per me e mio padre, debba avere questo incarico. E prendermi cura di mio padre anche in questo aspetto”.

Ginevra ha spiegato che il padre sta migliorando lentamente ma “bisogna approcciarsi a lui in maniera più delicata e sottile. Ho imparato a farlo con piccoli gesti, sguardi. E’ qui a Roma anche perché, in questo modo, è più facile prendermi cura di lui. Posso vederlo più spesso. Comunichiamo tramite piccole cose. Mi manca averlo nella quotidianità quando ho bisogno di un consiglio. Mi sarebbe piaciuto cantare e suonare assieme a lui. Averlo come guida nella vita e carriera artistica”, ha confessato aggiungendo che il suo sogno è appunto quello di diventare cantante.

Faccio fatica a vedere i film di papà. Mi mettevano un pizzico di malinconia. Io li vivo come mamma e papà – ha concluso la ragazza -. Il loro lavoro è stupendo ma li preferisco come genitori. Io e papà abbiamo un carattere simile, siamo anche, a volte ombrosi. Era divertente ma aveva anche dei momenti più riservati”. Parole forti, che hanno commosso Caterina Balivo che non è riuscita a trattenere qualche lacrima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vieni da Me, Benedetta Parodi: “Due incidenti stradali mi hanno cambiato la vita”

next
Articolo Successivo

Tiziano Ferro pubblica la sua chat privata con Marco Mengoni: “Qui giochiamo sporco”

next