Ginevra Nuti, la figlia 20enne del grande artista toscano Francesco Nuti, è stata ospite di Vieni da Me e a Caterina Balivo ha raccontato del suo rapporto con il padre disabile da quando 13 anni fa ebbe una brutta caduta dalle scale e rimase a lungo in coma. Da allora lei non lo perde mai di vista ed è sempre al suo fianco: “Sono diventata la tutrice di mio padre – ha rivelato la ragazza -. Da quando ho compiuto 18 anni, sono sua figlia e credo sia importante che, per me e mio padre, debba avere questo incarico. E prendermi cura di mio padre anche in questo aspetto”.

Ginevra ha spiegato che il padre sta migliorando lentamente ma “bisogna approcciarsi a lui in maniera più delicata e sottile. Ho imparato a farlo con piccoli gesti, sguardi. E’ qui a Roma anche perché, in questo modo, è più facile prendermi cura di lui. Posso vederlo più spesso. Comunichiamo tramite piccole cose. Mi manca averlo nella quotidianità quando ho bisogno di un consiglio. Mi sarebbe piaciuto cantare e suonare assieme a lui. Averlo come guida nella vita e carriera artistica”, ha confessato aggiungendo che il suo sogno è appunto quello di diventare cantante.

Faccio fatica a vedere i film di papà. Mi mettevano un pizzico di malinconia. Io li vivo come mamma e papà – ha concluso la ragazza -. Il loro lavoro è stupendo ma li preferisco come genitori. Io e papà abbiamo un carattere simile, siamo anche, a volte ombrosi. Era divertente ma aveva anche dei momenti più riservati”. Parole forti, che hanno commosso Caterina Balivo che non è riuscita a trattenere qualche lacrima.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vieni da Me, Benedetta Parodi: “Due incidenti stradali mi hanno cambiato la vita”

prev
Articolo Successivo

Tiziano Ferro pubblica la sua chat privata con Marco Mengoni: “Qui giochiamo sporco”

next