Nuovo terremoto in casa Ama, la municipalizzata dei rifiuti di Roma. La presidente Luisa Melara e i consiglieri d’amministrazione Paolo Longoni e Massimo Ranieri – nominato appena 5 mesi fa – si sono dimessi dal cda. La decisione, maturata nel corso dell’ultima settimana, è stata formalizzata nelle ore precedenti all’assemblea dei soci che si sarebbe dovuta svolgere nel pomeriggio. La mossa conferma quindi i rumors che si inseguivano già da lunedì.

Il management di Ama è entrato in polemica con i vertici capitolini nell’ultimo mese, da quando il Campidoglio ha contestato le modalità con cui è stata compilata la voce crediti del progetto di bilancio 2017 e alcune operazioni definite “irregolari” come la svalutazione dall’area dell’ex Centro carni.

A quanto apprende Ilfattoquotidiano.it, il cda uscente starebbe preparando un documento di accusa molto duro nei confronti dell’amministrazione capitolina, una sorta di deja-vu rispetto a quanto accaduto nell’ultimo anno con l’ex presidente Lorenzo Bagacani. Con Luisa Melara, in poco meno di tre anni e mezzo di amministrazioni, se ne va il settimo presidente o amministratore unico di Ama. Una situazione di “incertezza significativa della continuità aziendale” certificata anche dalla società di revisione Ernst&Young.

Il primo a commentare il passo indietro è stato Ranieri: “Se Raggi dice di essere stata lasciata sola, allora noi siamo stati abbandonati. Sono deluso e arrabbiato, se il piano per Ama era un altro ce lo potevano dire subito – ha commentato l’ormai ex consigliere d’amministrazione – Il problema dei rifiuti non si gestisce con l’ideologia ma servono azioni concrete”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Genova, sollevata la prima campata del nuovo viadotto. Renzo Piano agli operai: “Lavorate sempre in sicurezza”

prev
Articolo Successivo

Friuli, insulti social del consigliere leghista a Greta Thunberg: “Adesso scopro la m…”. Pd e M5s: “Si dimetta, inqualificabile”

next