Due incendi nel campo profughi di Moria, sull’isola greca di Lesbo hanno causato la morte di due persone: una mamma e la sua bambina.Le fiamme sarebbero state appiccate da alcuni migranti come segno di protesta per l’affollamento della struttura che, ad oggi, contiene 12mila persone contro una capienza massima di 3mila. Altre sei persone sono rimaste ferite, intossicate dai fumi e con traumi agli arti per via del fuggi fuggi generale e ricoverati nell’ospedale dell’isola.

I migranti che non riescono a trovare posto nel campo di Moria sono accampati con tende e coperte sulla collina mezzo agli ulivi in quella che viene chiamata “the jungle”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Colombia, il naufragio dei ‘narcos’: si salvano usando 1.200 chili di cocaina come salvagente. Soccorsi e arrestati dalla Marina Militare

next
Articolo Successivo

Arabia Saudita, principe bin Salman avverte i leader mondiali: “Intervenire contro Iran o prezzo petrolio salirà come mai prima d’ora”

next