Le scuse su Facebook sono arrivate con prontezza. Ma per alcuni passanti non sono bastate. “Ho guardato una seconda volta perché non potevo credere ai miei occhi. È totalmente inappropriato e offensivo, non certo qualcosa a cui vorresti esporre i tuoi bambini”, ha raccontato una mamma al New Zealand Herald. A cosa si riferisce? Ai filmati porno che si è trovato davanti chiunque sia passato davanti al negozio Asics di Central Auckland nella notte tra sabato e domenica. Gli schermi pubblicitari posti sulla strada hanno mostrato infatti film hard senza censure, per tutta la notte.

E’ dovuto intervenire un commesso, alla dieci di mattina, orario di apertura del negozio, per interromperli. L’azienda si è scusata dicendo che si è trattato di un attacco hacker: “Persone sconosciute hanno ottenuto l’accesso agli schermi sopra il nostro negozio di Central Auckland e alcuni contenuti discutibili sono stati mostrati sugli schermi. Vogliamo chiedere scusa a chiunque possa aver visto questi filmati. Stiamo lavorando con i nostri fornitori di software e i gestori della sicurezza online per far sì che questo non accada di nuovo” , si legge nel post.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bernard Keizer, il milionario è a caccia del tesoro nascosto sull’isola di Robinson Crusoe: 800 barili pieni d’oro

next
Articolo Successivo

Los Angeles, senzatetto “misteriosa” intona un’aria di Puccini in metropolitana: la sua voce incanta tutti e diventa virale. Scoperta la sua identità

next