Il principe ereditario saudita, Mohammad bin Salman, lancia un avvertimento ai leader mondiali chiedendo un intervento deciso nei confronti dell’Iran, dopo l’attacco missilistico alle strutture petrolifere di Abqaiq per il quale Riyad ha incolpato Teheran. E lo fa minacciando un drastico aumento del prezzo del petrolio di cui l’Arabia Saudita è il maggior produttore mondiale.

“Se il mondo non intraprende un’azione forte e ferma per scoraggiare l’Iran, vedremo ulteriori escalation che minacceranno gli interessi mondiali”, ha dichiarato Mbs in un’intervista rilasciata al programma della Cbs 60 Minutes. “Le forniture di petrolio saranno interrotte e i prezzi saliranno a numeri tanto elevati come non abbiamo mai visto”, ha continuato.

Dal canto suo, però, l’Iran, che sta fronteggiano la monarchia degli al-Saud ai confini del Regno, nella guerra civile yemenita, supportando i ribelli sciiti Houthi in contrapposizione alla coalizione guidata proprio da Riyad, ha sempre negato di essere dietro all’attacco in territorio saudita. Offensiva, questa, che ha provocato la riduzione di circa il 5% della fornitura mondiale di petrolio e ha fatto salire i prezzi del greggio.

Ma l’Arabia Saudita sostiene di avere le prove che l’attacco sia arrivato proprio dal vicino Yemen e che le armi che hanno colpito il complesso petrolifero siano di produzione iraniana. Bin Salman, durante l’intervista, ha però voluto chiarire che l’intento della monarchia è quello di evitare un conflitto militare con la Repubblica Islamica. Una guerra, spiega, porterebbe a un disastro economico di portata globale: tutto il Medio Oriente “rappresenta circa il 30% delle forniture energetiche mondiali, circa il 20% dei traffici commerciali globali, circa il 4% del Pil mondiale. Immaginate che tutte queste tre cose si fermino. Ciò significa un collasso totale dell’economia globale, e non solo dell’Arabia Saudita o dei paesi del Medio Oriente”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, incendio nel centro migranti di Moria: le immagini delle fiamme. Le grida degli ospiti e il fuggi fuggi generale

next
Articolo Successivo

Russiagate, “pressioni di Trump sull’Australia per screditare Mueller”. E il ministro Barr ha incontrato uomini dell’intelligence italiana

next