Nella mia cucina, il nuovo programma di Carlo Cracco in onda nel pomeriggio di Rai2, rischia di diventare un caso politico-televisivo. Non solo per i bassi ascolti, fermi tra il 2 e il 3% di share, ma per le dichiarazioni rilasciate ieri al FattoQuotidiano.it dal direttore Carlo Freccero: “E’ un programma pagato dalla pubblicità, invece di fare audience porta soldi. Mi aspettavo di più? Sinceramente no, non è da considerare come un programma di palinsesto ma come una trasmissione ‘pubblicitaria’. E’ un branded content, dura mezz’ora e solo per venti giorni.” La trasmissione è infatti prodotta dallo sponsor Scavolini, di cui Cracco è anche testimonial.

Lo spazio con l’ex volto di Masterchef, anche a causa dei bassi ascolti, ha cambiato più volte l’orario di messa in onda e sul perché venga replicato nello stesso pomeriggio Freccero ha spiegato: “Non è una mia decisione, c’è un contratto pubblicitario che lo prevede e io devo rispettarlo.” Parole che non sono piaciute a Michele Anzaldi, l’esponente di Italia Viva segretario della Commissione Vigilanza Rai ha tuonato contro il direttore di Rai2 presentando una interrogazione al presidente Foa e all’amministratore delegato Rai.

“Non si ha conoscenza di altri casi in cui un’intera porzione di palinsesto pomeridiano di una delle reti generaliste del servizio pubblico venga ceduta ad un inserzionista pubblicitario, come fosse uno spazio di televendita, senza che la Rai possa decidere autonomamente del destino di un proprio programma”, attacca Anzaldi che aggiunge un dettaglio finora sconosciuto: “La trasmissione Nella mia cucina’ vede tra i produttori, oltre alla Scavolini, la società di produzione tv “Zerostudies”, nella quale risulta avere un ruolo dirigenziale Federica Caschetto, che secondo notizie di stampa sarebbe la figlia di Beppe Caschetto, agente di un rilevante numero di artisti contrattualizzati dalla Rai e in particolare da Rai2.”

Il deputato renziano chiede dunque spiegazioni ai vertici di Viale Mazzini: “Si chiede di sapere se sia compatibile con il Contratto di Servizio la realizzazione di un programma cosiddetto ‘pubblicitario’, come lo ha definito Freccero, ovvero la cessione di un’intera porzione di palinsesto di Rai2, la seconda rete Rai e non una rete tematica, ad un inserzionista pubblicitario, quale è il caso di ‘Nella mia cucina’ con Carlo Cracco. Se sia accettabile che la Rai rinunci a prendere autonomamente decisioni riguardanti la collocazione di un programma o la revisione del format in caso di flop, poiché sottoposta ad un contratto che vincola addirittura la messa in onda di una produzione esterna di carattere pubblicitario. Se non esistano conflitti di interesse sulla messa in onda di ‘Nella mia cucina’ per la presenza nella compagine gestionale della società ‘Zerostudies’, che produce il programma, della figlia di Beppe Caschetto, agente di un rilevante numero di artisti contrattualizzati dalla Rai e in particolare da Rai2.” Cosa risponderanno Salini e Foa? Freccero replicherà alle parole di Anzaldi?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Ciacci risponde a Freccero: “Non ho avuto nessuna condanna. Sono indagato per ricettazione”. La controreplica: “Mi scuso, è stato lapsus”

next
Articolo Successivo

Fabio Fazio torna in tv e racconta: “Sono stato aggredito per strada da un uomo incattivito. A mio figlio dicevano che rubo i soldi alla Rai”

next