“Giovanni Ciacci ha avuto un problema con la Rai, ha avuto una condanna e non poteva più essere a Detto Fatto. E’ stato lui a dare le dimissioni”, queste le parole pronunciate da Carlo Freccero al FattoQuotidiano.it. Dichiarazioni che hanno suscitato la reazione immediata dello stylist senese: “Procederò per le vie legali nei confronti del direttore Freccero. Ad oggi io non ho ricevuto nessuna condanna. C’è un procedimento in corso che dura da cinque anni, siamo ancora al primo grado di dibattimento. Lo scriva: nessuna condanna. Vivendo in uno Stato di diritto, questo deve saperlo anche Freccero, un soggetto è innocente fino al terzo grado di giudizio e io non sono ancora al primo”, spiega ai nostri microfoni il costumista.

Non ha ricevuto una condanna, perché è in corso un procedimento tra lei e la Rai?
“Freccero ha detto una cosa inesatta. La causa è in corso perché ho preso un vestito dalla Rai di Napoli senza la bolla e l’ho portato a una mostra di Gattinoni sulla televisione, dove la Rai era lo sponsor principale. Io per aver portato un vestito senza bolla sono stato indagato per ricettazione.”

Una accusa importante.
“Io ho solo portato il vestito da una parte all’altra. Forse ci sono altri motivi che io non so. Credo nella giustizia, questo dibattito dura da cinque anni ed è stato rimandato più volte. I contribuenti che pagano il canone hanno speso soldi per questo processo inutile che ad oggi sarà costato più di 50 mila euro.”

Perché allora ha lasciato Detto Fatto?
“Me ne sono andato dalla Rai perché Detto Fatto stava affondando e io sentivo che era così. Il programma non era più quello di una volta, è finito con l’andata via di Caterina Balivo.”

Perché non ha mai raccontato di questo contezioso con l’azienda?
“Nessuno me lo ha mai chiesto. In questi anni ho fatto Ballando con le stelle e altre cose in Rai. Se non c’è condanna che devo dire?”

Non si è trovato bene con Bianca Guaccero?
“Questo lo stai dicendo lei, io non l’ho mai detto. Se mi sono trovato male con Bianca? Per me una vale l’altra. Sono una spalla che aiuta la conduttrice, ripeto il programma è finito con l’uscita di Caterina Balivo. Infatti da due settimane fa il 4%”.

Da parte sua, il direttore di Rai2 rettifica e dichiara “In una lunga intervista rilasciata ieri a Il Fattoquotidiano.it, che spaziava tra molteplici argomenti, incidentalmente mi è sfuggito che Giovanni Ciacci è stato condannato. Si è trattato di un lapsus. Mi scuso. In realtà il procedimento è ancora in corso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La gaffe del Tg1 in prima serata: “Cento anni fa nasceva Aldo Moro”. Ma i conti non tornano

next
Articolo Successivo

Nella mia cucina, il programma di Carlo Cracco diventa un caso politico. Freccero: “E’ pagato dalla pubblicità, bisogna rispettare il contratto”

next