Bello, giovane e in questo momento è il campione che tutti amano. Questo e tanto altro è il 21enne Charles Leclerc, stella della scuderia Ferrari che ha già messo in tasca le vittorie ai circuiti di Spa e Monza e il secondo posto a Singapore, dietro il compagno di squadra Sebastian Vettel. Sebbene sia concentratissimo sul lavoro, a quanto pare sul versante privato Leclerc è abbastanza “vivace”. Qualche giorno fa la sua fidanzata storica (sono stati assieme per cinque lunghi anni) Giada Gianni aveva annunciato sui social che il pilota l’aveva lasciata per dedicarsi completamente alla sua missione: diventare campione del mondo. “Vuole dedicarsi solo alla Ferrari”, aveva detto Giada. Fin qui, a parte il dolore per la fine di una lunga relazione, niente di strano.

Ma il settimanale Oggi ha sganciato la “bomba gossip”. Infatti Leclerc sarebbe già fidanzato con un’altra bellissima ragazza: Charlotte Siné, figlia di Emmanuel Siné, direttore generale del Société des Bains de Mer, la società del Principato che gestisce il settore dell’intrattenimento. Insomma altroché carriera, come sostiene il settimanale infatti sarebbe stata proprio Charlotte a far perdere la testa a Charles, tanto da spingerlo a lasciare Giada. La nuova passione di Leclerc è attiva su Instagram con quasi 4mila follower (il numero è incredibilmente aumentato, dopo che la notizia è uscita) e i due innamorati si seguono a vicenda. Divisa tra Ginevra e Monaco, Charlotte studia architettura, suona al pianoforte, ha una sorella che si chiama Valentine (Leclerc segue su Instagram anche lei), ama i viaggi e il buon cibo, spesso esce con gli amici e le sue foto sono sempre ben curate e scelte. Insomma Charlotte ha l’aria della brava ragazza e un sorriso contagioso, qualità che hanno fatto perdere la testa a Leclerc.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilaria Spada vittima di bullismo: “Un gruppetto di ragazze mi lanciava uova e mi dava degli schiaffettoni”

prev
Articolo Successivo

Vieni da Me, Claudio Lippi fa outing per conto di Valerio Scanu. La Balivo: “Non è bello dirlo pubblicamente”

next