E’ chiaro che il vero ostacolo, e quindi il vero risultato, sarà evitare l’incremento dell’Iva. Nella manovra potremo solo dare dei primi significativi assaggi del progetto politico. Ho preteso, ad esempio, asili nido gratuiti per famiglie con redditi medi e bassi”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte dal palco di Atreju soffermandosi sulla manovra. Sull’Iva Conte ribadisce: “Un suo aumento potrebbe comprimere ulteriormente la domanda interna”. Poi, quando Bruno Vespa gli chiede conto della proposta del ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti: trovare risorse tassando merendine, bibite gassate e aumentando i biglietti aerei di un euro per i voli nazionali e di 1,5 euro quelli internazionali, Conte replica: “Mi pare praticabile”.

Il premier ha anche puntato sul tema dell’evasione: “Dobbiamo promuovere la lotta all’evasione, soprattutto i grandi evasori…”, parole a cui qualcuno tra il pubblico ha risposto fischiano: “Perchè fischiate? Volete gli evasori? Se pagano tutti, si paga di meno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conte: “Combatteremo l’evasione con incentivi a moneta elettronica. Sì a tasse su merendine e biglietti aerei per finanziare la scuola”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Conte sul palco Fratelli d’Italia raccoglie fischi: “Salvini isolato pure da Orban”. I militanti: “Elezioni”

next