Prince cercò di picchiarmi“. È la rivelazione fatta da Sinéad O’Connor in un’intervista a Good Morning Britain, il popolare programma tv del mattino sulla rete britannica Itv. La cantante irlandese è tornata a parlare degli scontri avuti in passato con l’artista americano scomparso nel 2016 e lo ha così accusato di aver tentato di aggredirla e di aver rotto diverse costole a una ragazza della sua band.

“Prince cercò di picchiarmi – ha iniziato a raccontare Sinéad O’Connor ai conduttori Piers Morgan e Susanna Reid -. È stata un’esperienza sconvolgente. Mi chiamò una sera a casa sua a Los Angeles e io stupidamente ci andai da sola. Mi avevano spiegato che era contrariato per il fatto che nonostante io non fossi una sua protégé avevo appena registrato Nothing compares 2 U. Per questo mi chiese di diventare una sua protégé e di non dire mai più parolacce nelle mie interviste: io gli risposi che poteva dimenticarselo e lui cercò di aggredirmi. Andò al piano di sopra e prese un cuscino con all’interno qualcosa di duro: io uscii di corsa e arrivata nel suo giardino mi nascosi dietro ad un albero”.

“Ci ritrovammo a correre intorno alla sua macchina, io gli sputavo e lui cercava di colpirmi con quel cuscino – ha proseguito la cantante -. Andai a suonare al campanello di una casa vicina per chiedere aiuto, una cosa che mi aveva consigliato sempre di fare mio padre se mi fossi trovata in una situazione come quella. Sono convinta che Prince al tempo fosse preda degli effetti qualche oscura droga”. Da allora lei non ebbe più incontri con Prince ma, aggiunge, “non sono l’unica che lui cercò di picchiare. Una delle ragazze della sua band finì all’ospedale con delle costole rotte”. Sinéad O’Connor ha concluso poi la sua intervista invitando le altre donne aggredite da Prince a farsi avanti e raccontare le loro storie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Luciano Passirani: “Mi scuso per la frase razzista su Lukaku, anche io sono nonno di due bambine nere”

next
Articolo Successivo

Gareth Thomas, il campione di rugby rivela: “Ho l’Hiv, ho pensato al suicidio”. E i principi Harry e William lo elogiano sui social

next