“Voglio scusarmi con te, Direttore, e ringraziarti per la possibilità di poter intervenire”. Ha esordito così Luciano Passirani in diretta a Lunedì di Rigore su Telelombardia, dove è intervenuto per scusarsi pubblicamente per quanto affermato il giorno prima sul calciatore dell’Inter Lukaku, di cui ha detto “per fermarlo o hai 10 banane e gliele dai, oppure…”. “La mia battuta è stata infelice, ne traggo le conseguenze negative e oggi ho passato una delle giornate più brutte della mia vita – ha spiegato il giornalista sportivo, subito licenziato dall’emittente -. Mi ha chiamato tanta gente, ritengo di essere una persona educata ma questa frase non voluta, ma detta, mi ha reso molto triste”.

“Ho 80 anni, sono stato 40 anni nel mondo del calcio, non ho mai ricevuto una squalifica per qualche comportamento nei ruoli che ho ricoperto ma accetto la decisione assunta nei miei confronti. Vi chiedo scusa, a te e all’emittente e ai tanti amici – ha proseguito Passirani -. Nella mia famiglia sono presenti persone di colore vorrei non passare per razzista: non lo sono per nessun modo, non sono fatto così. La mia compagna che vive da 17 anni con me è di colore. Mio figlio ha sposato una donna africana ed è padre (quindi io sono nonno) di due bambine nere. Non sono razzista e ritengo di essere una persona educata sotto ogni aspetto. Nella mia carriera ho incontrato tantissimi giocatori di colore, mai avuto problemi. Vorrei chiedere scusa di persona a Lukaku, vorrei poter incontrarlo. Stanotte non ho dormito, oggi non sono riuscito a mangiare, una mancanza così di tatto e di educazione non appartiene al mio modo di essere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pippo Franco: “Mio figlio Gabriele a Temptation Island Vip? È in totale isolamento, come un carcerato”

next
Articolo Successivo

Sinéad O’Connor: “Prince tentò di picchiarmi. È stata un’esperienza sconvolgente”

next