Dopo il debutto deludente di Live-Non è la D’Urso, fermo all’11% fino all’una e mezza di notte, Mediaset corre ai ripari per risalire la china sul fronte auditel. Secondo il sito Dagospia nel secondo appuntamento previsto per domenica 22 settembre arriverà in studio Matteo Salvini, non per una semplice intervista con la padrona di casa. L’ex ministro dell’Interno sarà protagonista di un uno contro tutti di costanziana memoria. Il leader leghista da settimane è al centro della scena politica dopo la caduta del governo giallorosso che ha favorito la nascita del Conte Bis.

Numerose ospitate che hanno fruttato risultati positivi in termini di share, soprattutto nella “populista” Rete 4. L’ex vicepremier, aggiungiamo, è stato più volte ospite nei programmi di Carmelita, come la chiamano i suoi fan. L’uno contro tutti vedrà uno schieramento di giornalisti “contro” Salvini a centro studio oppure il leader della Lega sarà protagonista nello spazio con le cinque sfere? In quest’ultimo caso l’ospite risponde alle domande e alle critiche dei cinque “sferati”, alcuni a favore altri contro, alla fine la conduttrice comunica il “sentiment” del pubblico illuminando di verde i pareri più apprezzati e di rosso quelli meno graditi.

Protagonista di questo blocco al debutto Pamela Perricciolo, ex manager di Pamela Prati, mentre nella precedente edizione erano stati coinvolti tra gli altri Morgan, Pupo, Cicciolina, Fabrizio Corona e Walter Nudo. Al debutto Non è la D’Urso è stato doppiato dalla replica de Il Commissario Montalbano con il 21,7% di share, domenica 22 affronterà Imma Taratanni. La nuova fiction di Rai1 tratta dai libri di Mariolina Venezia vede tra i protagonisti Vanessa Scalera, Cesare Bocci e Carlo Buccirosso. La presenza di Salvini su Canale 5 potrebbe spostare parte del pubblico femminile proprio sulla prima rete del servizio pubblico? Domenica 22 si accenderà anche La7 con Non è l’Arena, Giletti starà a guardare o tirerà dal cilindro qualche sorpresa?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Live-Non è la D’Urso, solo un milione e mezzo di spettatori per la prima puntata. Riuscirà la D’Urso ad “aggiustare il tiro”?

prev
Articolo Successivo

Temptation Island Vip, ascolti ancora in calo. Tensione alle stelle tra Nathaly Caldonazzo e Andrea Ippoliti: lei tira un calcio al pc portatile

next