C’è chi preferisce darsi alla fuga, nel giorno del giuramento a Palazzo Chigi, come la fedelissima e neo viceministra all’Istruzione Anna Ascani. Chi prova a smentire l’ipotesi scissione dal Pd o non vuole parlarne, come Ivan Scalfarotto (sottosegretario agli Esteri), il deputato che ha dato vita (e segue con Ettore Rosato) ai comitati civici renziani. O chi si dissocia e lancia un appello per l’unità, come Alessia Morani (Sviluppo economico): “Sarebbe incomprensibile una scissione”. Ma nell’universo renziano che ha ottenuto incarichi di governo nel nuovo esecutivo Conte 2, all’interno della nuova maggioranza M5s-Pd-LeU, la possibilità di un’imminente scelta di Matteo Renzi di fondare gruppi autonomi in Parlamento, anche in vista della prossima edizione della Leopolda a Firenze, è ormai più che una possibilità. “Non voglio parlarne, almeno per ora”, si rifugia nel silenzio pure Salvatore Margiotta, altro renziano che ha ottenuto un incarico come sottosegretario (Trasporti) e che potrebbe seguire l’ex leader dem fuori dal Nazareno. Mentre Simona Malpezzi (Rapporti con il Parlamento) taglia corto: “Non è all’ordine del giorno la scissione dei renziani. Se il Pd resterà la mia casa? Sì, finché resterà un partito plurale”. Al contrario, è la viceministra agli Esteri Marina Sereni, dall’area di maggioranza, ad avvertire: “Per realizzare un programma innovativo serve la compattezza della maggioranza, oltre che l’unità del Partito democratico”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

A Pontida sventola la bandiera sarda dei quattro mori. Ed è una vergogna intollerabile

prev
Articolo Successivo

Governo, Paragone: “Sarò spina nel fianco del M5s. Conte? Bellissimo pavone nello zoo Ue. Di Maio? Gestisce qualcosa scritto da altri per lui”

next