Nella nuova fattoria, bio bio oh. La fattoria dei nostri sogni, uno dei casi distributivi dell’estate statunitense, è arrivato anche sugli schermi italiani. Il documentario sul ritorno alla natura di una coppia di “cittadini”, che acquista 200 acri di arido terreno californiano e lo trasforma in un miracoloso eden biologico, aveva esordito a maggio 2019 con cinque copie e poi in poche settimane era arrivato a 285 sfiorando in tre mesi quasi 5 milioni di dollari d’incassi.

Diretto e interpretato, assieme alla moglie, dal documentarista John Chester, The Biggest little farm ha almeno due grandi pregi e un difetto filosofico irrisolto. Intanto visivamente ti lascia come con la bocca aperta davanti alla vetrina dei dolci, anche se qui sono esposti fauna e flora. Close-up modello Microcosmos come zenit stilistico, sintesi fotografico-narrativo quasi fiabesca (ci manca poco che gli animali – mucche, maiali, galline, pecore, cani – parlino), il film trasmette magicamente il prodigio di un lavoro contadino privo di puzze e putridume, dov’è trendy perfino spalare letame. L’inquadratura in cui il terriccio coi vermi brulicanti si squaglia tra le mani di un farmer della Apricot Lane sembra quasi invogliarti a percepire tra le tue, di mani, questa sensazione di vivo contatto con la natura. Ed è davvero un miracolo sensoriale come fossimo di fronte ad un pioneristico cinema tattile.

Altro punto a favore è la sottolineatura solenne e problematica del ciclo vita-morte della natura. Albicocche e insetti che se le divorano, polli e coyote che fanno altrettanto, il cane Todd che disegna la via della campagna e muore, il guru dell’agricoltura che insegna a tutti e ci lascia pure lui, sono tutti esempi ciclici naturali che rendono ancor più esclusiva e intrigante la visione di questa immersione bucolica.

Così se da un lato viene abbozzata un’alternativa alle grandi monoculture e allevamenti industriali-globali che strangolano il pianeta, rischiando ogni anno una qualche sciagura “naturale” che distrugge ogni sforzo contadino; dall’altro penzola comunque il dilemma etico dei protagonisti inteneriti di fronte alla nascita dei maialini da latte o alla malattia della scrofa quando poi capiamo tutti che un attimo dopo verranno accoppati. Da lì Chester&Co glissano e non mostrano più nulla. Nessuno è perfetto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mostra del Cinema di Venezia, a J’Accuse va solo il “leoncino”: la presidentessa di giuria e il veto su Polanski – La Polemica

next
Articolo Successivo

IT2 è probabilmente il film più brutto dell’anno. Che pena

next