Manifestanti e polizia sono tornati a scontrarsi a Hong Kong con un’escalation che ha visto non solo schierati per la prima volta due automezzi con i cannoni ad acqua. A Tsuen Wan gli agenti hanno puntato le pistole contro attivisti, giornalisti e semplici cittadini (come testimoniano anche molti dei video diffusi su Twitter) e sparato alcuni colpi di avvertimento verso l’alto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’Occidente finge di non vedere. Ma l’omertà porta alla rivolta

next
Articolo Successivo

Maiorca, scontro tra elicottero e ultraleggero: 7 vittime, tra cui anche un italiano e un minore

next