“Sporcatevi le mani, fate qualche cazzata. Io sono cintura nera di cazzate. Siate curiosi e chiedetevi perché. Dovete accettare di rischiare, di fallire. Fa parte della vita. Il campione non è quello che vince, ma quello che si rialza. Da noi è passato il meccanismo per cui sembra che fallire sia una colpa irrecuperabile“. Lo ha detto Matteo Renzi nel discorso di chiusura della sua scuola di politica “Meritare l’Italia” in provincia di Lucca, a cui hanno partecipato 250 giovani. L’audio del discorso finale è stato messo su Facebook dal senatore dem Davide Faraone. “Rischiate, mettetevi in gioco. Commettete errori – ha ribadito Renzi – Molti di voi hanno perso alle elezioni comunali, ed è bellissimo. Non è un’onta”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, il possibile ritorno di De Vito porta il gelo in Campidoglio. Lunedì riunione dei consiglieri. Ferrara: “Confido nel buon senso”

next
Articolo Successivo

Governo, Conte dal G7: “Non è questione di persone ma di programmi. Lega? Esperienza per me chiusa”. Marcucci: “Fa chiarezza”

next