Da undici giorni la Ocean Viking, la nave di Sos Mediterranee e di Medici Senza Frontiere che ha salvato 356 migranti in mare, fa avanti e indietro nelle acque internazionali tra Linosa e Malta in attesa di un porto in cui attraccare. Ma martedì sera il percorso è cambiato: quando a bordo è arrivata la notizia che la Open Arms, in mare dal 1° agosto in attesa di un place of safety, era attraccata a Lampedusa, la nave battente bandiera norvegese ha variato percorso e ha disegnato un cuore nelle acque del Mediterraneo: un tragitto durato quasi quattro ore, dalle 23 alle 3 di notte. Al termine del quale ha ripreso il percorso dei giorni scorsi, lanciando un appello: “Sollevati nell’apprendere che 83 sopravvissuti su #OpenArms scenderanno finalmente in un posto sicuro. Speriamo che la nave torni in mare senza indugio. Una situazione del genere non può più ripetersi. 356 sopravvissuti sono bloccati a bordo #OceanViking da più di una settimana. Devono sbarcare”.

I membri di Sos Mediterranee e di Medici Senza Frontiere a bordo stanno ancora aspettando, infatti, che anche per loro venga deciso un porto sicuro per lo sbarco dei migranti soccorsi in più interventi. “Aspettiamo che qualcuno si decida a darci un porto – continua il capo missione – Non è compito nostro, noi siamo qui per salvare le vite delle persone nel Mediterraneo e non possiamo certo essere noi a decidere dove sbarcarle”, dice Romaniuk spiegando che fino a ora l’unica indicazione arrivata è quella del centro di ricerca e soccorso libico, “ma ovviamente non siamo disponibili a riportare le persone in un paese in guerra. Poi nessuno si è fatto più vivo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Buttarelli morto a 62 anni a Milano: dal 2014 era il Garante europeo della privacy

next
Articolo Successivo

Cesare Previti operato d’urgenza. Era in barca nel mare di Ischia quando ha avuto un malore

next