Quella del 20 agosto è stata una giornata lunga, carica di tensioni, arrivata al termine di una delle crisi più folli della storia repubblicana. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha rassegnato le dimissioni in serata, recandosi al Quirinale al termine del suo discorso al Senato. Un discorso, quello di replica, che non ha mancato di sottolineare ulteriormente le distanze con la Lega di Matteo Salvini, accusato a più riprese di essere il responsabile della fine dell’esperienza giallo-verde e di non aver avuto il coraggio di portare la scelta fino in fondo.Fuori dal Senato sostenitori dell’una e dell’altra parte, pronti a scandire slogan pro e contro Conte e Salvini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Giuseppe Conte, ovvero l’antica dignità della politica contro bulli e furbetti

next
Articolo Successivo

Mimmo Lucano, aumentano le firme perché riveda suo padre. Gli italiani non lo lasciano solo

next