Quella del 20 agosto è stata una giornata lunga, carica di tensioni, arrivata al termine di una delle crisi più folli della storia repubblicana. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha rassegnato le dimissioni in serata, recandosi al Quirinale al termine del suo discorso al Senato. Un discorso, quello di replica, che non ha mancato di sottolineare ulteriormente le distanze con la Lega di Matteo Salvini, accusato a più riprese di essere il responsabile della fine dell’esperienza giallo-verde e di non aver avuto il coraggio di portare la scelta fino in fondo.Fuori dal Senato sostenitori dell’una e dell’altra parte, pronti a scandire slogan pro e contro Conte e Salvini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giuseppe Conte, ovvero l’antica dignità della politica contro bulli e furbetti

prev
Articolo Successivo

Mimmo Lucano, aumentano le firme perché riveda suo padre. Gli italiani non lo lasciano solo

next