Piastrelle, tubi, linoleum, scarti di materiale edile provenienti da un cantiere. Tutto ciò messo in parecchi sacchi che stavano per essere gettati nei cassonetti stradali dedicati alle utenze domestiche, ovvero quelli per cittadini e famiglie. Gli agenti del Nad, il Nucleo ambiente Decoro della Polizia Locale di Roma Capitale, hanno fermato i trasportatori che sono stati costretti a ritirare quanto avevano già scaricare in strada. Oltre a dover pagare la multa di 3.100 euro, chi viene fermato deve anche mostrare la documentazione che attesti la provenienza dei materiali trasportati ed il luogo di smaltimento”. A pubblicare la notizia la sindaca di Roma Virginia Raggi, in un post su Facebook. ”Sono centinaia i carichi di materiale di ogni genere che quotidianamente vanno ad alimentare micro o maxi discariche abusive che inquinano e devastano il territorio cittadino. Contro questi reati non smetteremo mai di batterci’. Per Roma e per tutti i cittadini corretti e onesti, proseguiamo la guerra contro gli zozzoni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Greta Thunberg, così in un anno ha cambiato la mia vita

next
Articolo Successivo

Cambiamenti climatici, l’allarme di uno studio: “Entro il 2050 il livello del Mar Mediterraneo potrebbe salire di 20 centimetri”

next