Si è addormentato su un materassino a Scilla. La corrente lo ha trascinato fino a Messina. La guardia costiera ha salvato, nella giornata di sabato, un ragazzo di 28 anni nello Stretto. Il giovane si era appisolato sul galleggiante appena fuori a una spiaggia della riva calabrese, ma lui si erano perse le tracce dal pomeriggio, quando un amico ha avvertito la Capitaneria di Porto.

Le ricerche hanno interessato tutto lo Stretto di Messina con mezzi marini ed elicotteri. Dopo oltre 9 ore, a notte fonda, il disperso è stato rintracciato in mare aggrappato al materassino, quasi sulla costa siciliana. Subito dopo è stato riportato a Scilla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Castel Volturno, papà di 34 anni travolto e ucciso da un’auto pirata. Fermato l’investitore, un 37enne: era ubriaco

prev
Articolo Successivo

Gallarate, il sindaco leghista sbaglia il post: incolpa tunisino di aver dato fuoco a un’auto e gli augura “calcioni”, ma era la vittima

next