La Regina Elisabetta ha parlato. Rompendo il protocollo, sua Maestà, notoriamente fuori dalle questioni politiche, ha deciso di dire la sua, esprimendo privatamente la sua “delusione per l’attuale classe politica e la sua incapacità di governare correttamente”. A rivelarlo il quotidiano britannico The Sunday Times, che cita una fonte molto vicina a Buckingham Palace. Il riferimento è, ovviamente, alla Brexit, e alla crisi che dal 2016 sta caratterizzando il Parlamento di Londra.

“Penso che sia davvero sgomenta – ha dichiarato la fonte che ha assistito allo scambio di battute di Elisabetta II – Ha espresso la sua esasperazione e frustrazione per la qualità della nostra leadership politica”. Una frustrazione che, dice la fonte, è aumentata rispetto all’ultimo commento della Regina, che nel 2016, dopo le dimissioni di David Cameron a seguito del referendum, durante un evento privato aveva sottolineato l’importanza del legame tra la Gran Bretagna e l’Unione europea.

Secondo il Times è “tra le dichiarazioni politiche più nette che la Regina abbia fatto nei 67 anni di regno”. Finora infatti la famiglia reale è rimasta imparziale davanti all’altalena della Brexit, anche se la recente dichiarazione potrebbe sicuramente influenzare l’andamento del “divorzio” in Parlamento.

Il commento della Regina arriva mentre i ribelli dei Tory e i parlamentari laburisti cercano di coinvolgere Bukinghham Palace nella possibile crisi costituzionale. Sono molte, infatti, le voci che chiedono un intervento di Sua Maestà nel caso in cui il neo primo ministro Boris Johnson perda il voto di fiducia in programma all’inizio di settembre alla Camera dei Comuni, ma rifiuti di dimettersi. Il premier ha infatti più volte ribadito che il prossimo 31 ottobre intende portare il Regno Unito fuori dall’Unione Europea, in “qualsiasi circostanza”. Proprio per scongiurare questo eventuale coinvolgimento di Elisabetta II, sabato 10 agosto Sir Mark Mark Sedwill, uno dei funzionari più in vista del governo, e Edward Young, il segretario personale della sovrana, come riporta il Telegraph, si sono incontrati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Boris Johnson, le radici europee del premier pro Brexit

prev
Articolo Successivo

Germania, la Merkel fa muro contro chi chiede di fare più deficit: “Restiamo fedeli all’obiettivo del pareggio di bilancio”

next