Il 46% dei cittadini europei continua a non fidarsi dell’Europa. I più scettici verso le istituzioni comunitarie sono i greci (66%), seguiti da francesi e britannici (56%), e da italiani e cechi (55%). Il 44% dei cittadini Ue, invece, ha fiducia nell’Unione. Dai dati dell’ultimo sondaggio di Eurobarometro, emerge che i greci sono anche i più pessimisti sul futuro dell’Ue (51% contro 45% di ottimisti), i britannici ci si avvicinano (46% contro 47%), i francesi sono più negativi degli italiani (45% contro 38%), che però per la maggioranza restano ottimisti. Se nel sondaggio di luglio, nel complesso, era il 56% dei cittadini a credere che la propria voce contasse nella Ue, oggi a credere di rimanere inascoltato è il 68% di greci, il 62% di ciprioti, il 60% di estoni, il 59% di lettoni, il 55% di italiani e il 52% di britannici. Rispetto all’indagine dell’autunno scorso, cambiano anche le priorità: l’immigrazione resta in cima per gli europei, ma in calo rispetto al clima e alla disoccupazione. Per l’Italia, l’emergenza è invece proprio la mancanza di lavoro (per il 44%) e la situazione economica che il 76% definisce “molto cattiva”. E il 65% degli italiani sostiene l’euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, Boris Johnson parla per metafore. Ma mancano soluzioni concrete

prev
Articolo Successivo

Crescita, monito Bce: “Nell’eurozona aumento Pil debole nei prossimi mesi. Le cause? Guerra dei dazi e vulnerabilità dei mercati emergenti”

next